Yamaha R125 Cup 2016.
10 maggio 2016 // Racing // R125 Cup
Yamaha R125 Cup 2016.
Danilo Gueli si aggiudica anche il II round.
Il circuito Tazio Nuvolari ospita la seconda tappa della Yamaha R125 cup. Le condizioni meteo sono molto incerte e creano ancora più suspance al week end di gare. Tutti pronti a dare battaglia sul tortuoso circuito di Cervesina tranne Manuel Palumbo, infortunato a Varano, che aspettiamo a Sarno al suo rientro nel gruppo.
 
AG Motorsport Italia ha preparato un programma didattico molto intenso per il week end di Cervesina, con numerose sessioni di teoria in aula e di pista con gli istruttori. Alessandra Gambardella, titolare della AG è sempre pronta ad assistere i giovani piloti Yamaha assieme a tutto il suo staff.
 
QUALIFICHE
 
Sono solo diciassette i piloti che hanno affrontato la prima qualifica sotto alla pioggia. Le avversità meteorologiche hanno giocato un ruolo determinante nella scelta se affrontare Q1 o attendere la Q2 sperando in un miglioramento delle condizioni meteo. La seconda qualifica si è svolta sull’asciutto, i 26 concorrenti hanno dato il massimo per cercare di conquistare la migliore casella di partenza. Da subito vediamo battere il record dello scorso anno dal rookie Alessandro Arcangeli del Geko Bike team, che si muove con naturalezza in sella alla Yamaha R125 da trofeo e conquista la pole-position con il tempo di 1’38”434. Al secondo posto in griglia con pochi centesimi èDanilo Gueli, seguito da Yuri Pizzedaz che chiude la prima fila. A ruota dei primi ma con tempi molto ravvicinati, si schierano Lorenzo Imperiano, Daniel Russo, Giovanni Grianti e Maicol Spaggiari. In ordine di partenza anche Roberto Bellebono, Alessio Gagliardi, Diego Mascellino e Frate Michelangelo racchiusi all’interno del range di 1’40”. Apre la quarta fila un brillante Filippo Rovelli, a cui seguono Nicolas Cupaioli e Michele Ferrenti. Altro gruppo compatto e vicini di casella dalla quinta fila, i rookies Bernieri Diego, Simon Vivas, Michael Migliore che hanno migliorato le performance dalla prima gara di Varano. In diciannovesima posizione Alessandro Nassini, Stefano Guarini, Berselli Guido, in ventiduesima posizione Enrico Paccagnella che precede l’unica ragazza del trofeo Giulia Silvia Vercilli. Chiudono l’ultima fila Simone Carnesecchi, Gianluca Di Resta e Pietro Baldo.
 
GARA 1
 
Qualche goccia d’acqua scende su gara 1, mentre il direttore di gara segnala gara asciutta, i piloti si concentrano per una partenza bruciante. Da sottolineare la prima esperienza con le ruote alte di Alessandro Arcangeli del Geko Bike team, il giovanissimo rookie dal carattere spigliato e curioso, con la voglia di mettersi a confronto anche durante la teoria con gli istruttori, riversa tutta la sua energia anche sul campo gara. La partenza vede il gruppo compatto con un colpo di scena, di Yuri Pizzedaz che perde la pedana, ma con abilità si ricompone perdendo però qualche posizione. Alessandro Arcangeli prende la testa del gruppo, Daniel Russo passa Danilo Gueli e cerca di sferrare l’attacco al primo rookie. Lotta anche tra i due rookies , Diego Mascellino e Yuri Pizzedaz, dove però una scivolata di quest’ultimo lo metterà fuori dai giochi. Colpi di scena anche nel gruppo tra Lorenzo Imperiano particolarmente in forma e un Daniel Russo molto determinato a dar fastidio al pole-man, così anche Giovanni Grianti che passa poi in esterno Maicol Spaggiari. Scambio di posizione tra Alessandro Arcangeli e Daniel Russo, traiettorie perfette e al limite, il giovane pilota di Cesena viene sorpassato dal romano Russo, quando poi alla resa dei conti, Arcangeli si mette in scia sul rettilineo del Tazio Nuvolari e supera il veterano, mentre Danilo Gueli crea una sfida a tre mettendoli nel mirino. Lorenzo Imperiano e Giovanni Grianti si danno bagarre concludendo poi al quarto e quinto posto. Il passo gara è da qualifica e si aggira intorno all’1’38” e 1’39” basso.
 
GARA 2
 
Con un cielo sempre minaccioso di pioggia, arriva l’ora di gara 2. Facce concentrate e tese in griglia. Si parte per il warm up lap e c’è il primo colpo di scena. Yuri Pizzedaz scivola e non riesce a ripartire. Allo spegnersi del semaforo il più veloce è ancora Alessandro Arcangeli, del Team Geko Bike, marcato stretto stavolta da Danilo Gueli. I due allungano ma alle loro spalle è Daniel Russo che traina Giovanni Grianti al ricongiungimento con il tandem di testa. I quattro dopo diversi sorpassi e controsorpassi, arrivano all’ultima curva tutti allineati e la spunta in ingresso Daniel Russo che però viene beffato al fotofinish da Danilo Gueli, terzo Arcangeli e quarto Giovanni Grianti. Alle loro spalle Maicol Spaggiari ingaggia un duello con Alessio Gagliardi e Lorenzo Imperiano e afferra la quinta posizione precedendo nell’ordine Gagliardi e Imperiano. Diego Mascellino precede Filippo Rovelli che allunga su Michelangelo Frate. Fuori dalla top ten seguono Michele Ferrenti, Michael Migliore, Nicolas Cupaioli, Stefano Guarini, Simon Vivas, Lorenzo Basso, Guido Berselli, Alessandro Nassini, Roberto Bellebono, Enrico Paccagnella, Simone Carnesecchi, Giulia Vercilli, Gianluca Di Resta e Pietro Baldo. Fuori per una scivolata senza conseguenza Diego Bernieri. Ogni anno la Yamaha R125 cup migliora sempre di più e con essa i propri piloti. Giovanni Grianti in gara 2 frantuma il record della pista con il tempo di 1’37”746 per la categoria della Yamaha R125 cup. Si chiude con un successo di spettacolo e pubblico il secondo round della Yamaha R125 cup. Prossimo appuntamento in Campania al Circuito Internazionale di Sarno il 18-19 giugno 2016 con alte sfide fino all’ultima curva!
 
CLASSIFICA ASSOLUTA  - 2° ROUND
1° DANILO GUELI
2° ALESSANDRO ARCANGELI
3° RUSSO DANIEL
 
CLASSIFICA ROOKIES – 2° ROUND
1° ALESSANDRO ARCANGELI
2° DIEGO MASCELLINO
3° FILIPPO ROVELLI